insalate e piatti freddi, ricette originali, secondi di pesce, secondi piatti

Sgombro in insalata tiepida con noci e melograno Un'insalata ricca e golosa con i sapori dell'autunno e tanto colore

Vi presento lo sgombro in insalata tiepida: sgombro sott’olio, tante verdure al forno, frutta e semi, un vero tripudio di sapori e colori, ma anche di proprietà nutritive.

sgombro-in-insalata

Parliamo di sgombro, innanzitutto, pesce che riscuote sempre più successo sulle tavole italiane, un tempo considerato pesce povero e oggi riscoperto ricchissimo dal punto di vista nutrizionale e di gusto.

Un po’ di storia.

Lo sgombro è anche ricchissimo di denominazioni diverse!
La parola “sgombro” pare derivare dal greco e venne usata anche dal latino Plinio nel 78 d.C. nella sua Historia Naturalis.
Il nome maccarello invece si diffonde dal XVI secolo, dal francese  maquerau che significa “ruffiano”; lo sgombro presenta infatti l’abitudine, durante le migrazioni, di unirsi a branchi di aringhe e calamari, favorendone la riproduzione.
Lacerto deriva dalla parola latina che indica un muscolo scattante; ciortone, invece, è un nomignolo che risale agli anni dell’immediato dopoguerra e ha assonanza con short-tuna, piccolo tonno, così come lo chiamavano gli americani presenti sul litorale tra Viareggio e Livorno.

Buono per la salute.

Grazie ad ANCIT, Associazione Nazionale Conservieri Ittici e delle Tonnare, scopro che lo sgombro è il pesce tra le varietà più ricche di Omega 3,  calcio, ferro e vitamina D. Viene commercializzato in molti modi: fresco, surgelato o in scatola, e proprio in quest’ultima forma risulta comodissimo da portare in tavola anche per un pasto veloce. Quello che forse non sapete è che il prodotto in scatola conserva tutte le proprietà dello sgombro fresco; in più la presenza dell’olio d’oliva extravergine aumenta i benefici per il cuore e le arterie e il potere saziante.

L’apporto di proteine dello sgombro è di alto valore biologico: ben 19,3 per ogni 100 g. I grassi sono omega 3 protettivi nei confronti di cuore e vasi sanguigni, aumentando il colesterolo buono HDL e contribuendo a diminuire quello cattivo LDL.
Importante l’apporto di calcio, tra i più ricchi dei prodotti ittici, e poco sodio. Tra le vitamine si riscontra una quantità importante di vitamina D e di vitamine del gruppo B. Tutti questi aspetti contribuiscono a rendere lo sgombro alimento adattissimo per la crescita, per gli sportivi, per gli anziani.
Una porzione media di sgombro è di circa 150 g.

Veniamo alla ricetta dello sgombro in insalata: ho aggiunto carboidrati ovvero patate e carote arrostite al forno, e “croccantezza” salutare, sotto forma di gherigli di noci, chicchi di melograno, e semini misti da insalata (semi di zucca e di girasole arricchiti da bacche di goji). Sullo sgombro, già sott’olio, ho aggiunto giusto qualche goccia di succo di melograno spremuto al momento.

Sgombro in insalata con noci e melograno
Serves 2
Sgombro in insalata di patate e carote al forno, con noci, melograno e tanti semini croccanti.
Write a review
Print
Ingredients
  1. 350 g di patate
  2. 180 g di carote
  3. 250 g di sgombro sott'olio extravergine d'oliva
  4. 6 noci
  5. 1/2 melograno
  6. una manciata di insalatina tipo soncino
  7. 2 cucchiai di semini per insalate (con semi di girasole, di zucca, arachidi, bacche di goji)
Instructions
  1. Lavate e sbucciate le carote e le patate. Tagliate le patate a rondelle e le carote a listarelle e disponetele su una teglia coperta di carta forno, irrorandole con un filo d'olio e un pizzico di sale. Infornate in forno già caldo a 190°C, per 30 minuti.
  2. Disponete alcune manciate di insalatina dei piatti.
  3. Aggiungete le patate e le carote.
  4. Completate l'insalata con i gherigli di noce, il melograno e i semini.
  5. Disponete in cima, in bell'ordine, i filetti di sgombro leggermente scolati.
  6. Da parte schiacciate una manciata di chicchi di melograno con uno spremiaglio e versate il succo direttamente sullo sgombro.
Ricette di Cultura http://www.ricettedicultura.com/
sgombro-in-insalata-maccarello
articolo in collaborazione con ANCIT e iFood.it

Salva

Salva

Salva

Salva