dolci, lievitati-dolci

Brioche alla ricotta La ricotta al posto del burro e un dolce cuore di mora in ogni morso

Per chi cerca un impasto davvero leggero la brioche alla ricotta è una soluzione deliziosa. Io la faccio lievitare a lungo, meglio se tutta la notte e al mattino bastano pochi minuti di forno per una colazione insuperabile.

Mi piace variare spesso impasto e ingredienti per i dolci della colazione; replico un paio di volte e poi cambio, ripescando un “vecchio” dolce solo dopo diversi mesi.

Ecco quindi che ho accolto con curiosità l’idea di sostituire il burro con soffice ricotta, per un risultato leggero ma non per questo meno goloso.

Vi lascio subito la ricetta della brioche alla ricotta, dandovi solo un’indicazione. Io ho impastato con le fruste a spirale dello sbattitore: la dose di farina è tale che non è necessario usare una planetaria. Non abbiate fretta e lasciate che l’impasto sia incordato benissimo.
All’inizio sarà molto sciolto, ma con un po’ di pazienza otterrete una massa compatta e elastica così:

(foto)

In ogni pallina che vedete c’è una mora, ma nella brioche alla ricotta il cuore può essere ancora di un altro frutto, delle ciliegie snocciolate, ad esempio, o che ne dite di un “ramasin”?

Brioche alla ricotta con cuore di mora

farina tipo 1, 250 g
sale, 5 g
uova, 1
zucchero, 60 g
ricotta, 85 g
lievito di birra, 5 g
latte, 60 g

per il cuore: 24 more mature

Sciogliete il lievito nel latte con un cucchiaino di zucchero.
Versate in una ciotola dai bordi alti gli altri ingredienti e poi a filo il latte con il lievito, cominciando a lavorare con le fruste a spirale.
Come accennato non bisogna avere fretta: l’impasto si sfilaccerà un po’ di volte e poi inizierà a incordarsi fino a diventare consistente e muscolo.

Lasciar lievitare per un’ora e mezza, poi sgonfiare e suddividerlo in 24 porzioni.

In ogni porzione di impasto mettere una mora e avvolgerla bene. Poi deporre tutte le palline ricavate su una teglia, vicine ma non appiccicate, coprire con pellicola leggermente unta e lasciar lievitare a temperatura ambiente per la notte (circa 7-8 ore).

Al mattino le palline saranno appiccicate. Spennellarle con un po’ di albume a temperatura ambiente e cospargere di cristalli di zucchero di canna.

Infornare in forno già ben caldo a 185°C per 15-20 minuti.

Le porzioni di brioche alla ricotta cotte si possono congelare per essere passate in frigo la sera e scaldate leggermente in forno al mattino: restano così fragranti.