Tag

focaccia

cocina italiana en español, ricette tradizionali, storia & cultura

Focaccia con queso de Recco En la provincia de Genova nace la focaccia con queso más rica del mundo

La focaccia con queso de Recco es la receta típica de un pueblecito de la provincia de Genova, en la costa de Liguria. Es una focaccia muy fina, rellena de un queso fresco similar a la crescenza, que al calentarse se deshace volviéndose cremoso. Read more

pizza e focacce, ricette tradizionali, storia & cultura

Focaccia col formaggio di Recco In provincia di Genova nasce la focaccia col formaggio più golosa che ci sia.

La focaccia col formaggio di Recco è la ricetta tipica di questo borgo in provincia di Genova, sulla riviera ligure. Si tratta di una focaccia sottilissima, farcita con formaggio fresco simile alla crescenza, che in cottura si scioglie diventando cremoso. Read more
buffet salato, lievitati, pizza e focacce, ricette di base

Focaccia ad altissima idratazione Un risultato leggerissimo e croccantino

Questa focaccia ad alta idratazione è il frutto di un colpo di fulmine.

Read more

Focaccia ad altissima idratazione Un risultato leggerissimo e croccantino" class="facebook-share"> Focaccia ad altissima idratazione Un risultato leggerissimo e croccantino" class="twitter-share"> Focaccia ad altissima idratazione Un risultato leggerissimo e croccantino" class="googleplus-share"> Focaccia ad altissima idratazione Un risultato leggerissimo e croccantino" data-image="http://www.ricettedicultura.com/wp-content/uploads/2018/09/focaccia-mortadella-e-fichi_3.jpg" class="pinterest-share">
ifood.it, lievitati, pizza e focacce

Focaccia ripiena alle cime di rapa Un impasto naturalmente gustoso e un ripieno che risveglia le papille

Una gustosissima focaccia ripiena, così buona che una fetta tira l’altra con la sua farcitura ricca di sapore e leggermente piccante. La ricetta è stata elaborata per Molino Quaglia e la farina che ho usato è la Petra 1.

Read more

buffet salato, lievitati, pizza e focacce, ricette originali

Sedici: l’alchimia dei sapori – il contest – ep.10 Sulfurei Un goloso focaccione con cavolo rosso e fichi secchi

Eccoci a riprendere il filo del discorso, abbandonato il 16 dicembre, per la pausa natalizia, e ripartire di slancio dalla nuova famiglia. Read more

Sedici: l’alchimia dei sapori – il contest – ep.10 Sulfurei Un goloso focaccione con cavolo rosso e fichi secchi" class="facebook-share"> Sedici: l’alchimia dei sapori – il contest – ep.10 Sulfurei Un goloso focaccione con cavolo rosso e fichi secchi" class="twitter-share"> Sedici: l’alchimia dei sapori – il contest – ep.10 Sulfurei Un goloso focaccione con cavolo rosso e fichi secchi" class="googleplus-share"> Sedici: l’alchimia dei sapori – il contest – ep.10 Sulfurei Un goloso focaccione con cavolo rosso e fichi secchi" data-image="http://www.ricettedicultura.com/wp-content/uploads/2016/01/focaccione_cavolo_5.jpg" class="pinterest-share">
buffet salato, lievitati, pizza e focacce, ricette originali

Focaccia scura con costine rosse e gocce di mascarpone

costine rosse_slide_miniSpesso per mancanza di tempo mi dimentico che posto meraviglioso sia il mercato, soprattutto quello contadino. In realtà ne ho uno decisamente comodo e vicino, che spesso trascuro per quelli più grandi. Eppure la comodità di trovare verdure veramente fresche sotto casa non ha prezzo. Grazie a un appuntamento “da foodbloggers” con l’amica Betulla mi sono ritrovata con un bel mazzetto di costine rosse che non hanno molto di diverso dalle cugine verdi, a parte il colore. Bellissime da fotografare crude, con la cottura perdono un poco del loro “smalto”, ma fanno benissimo al sorriso. Quindi perchè non metterle in mezzo a una deliziosa focaccia? Read more

Please follow and like us:
lievitati, pizza e focacce

Focaccia multicereali al nero di seppia con ciliegini e origano per il contest “Blogger love Qb” Un colore sorprendente nell'impasto da accendere con gli ingredienti freschi della farcitura

Arriva oggi la mia prima ricetta per il contest Blogger love Qb promosso da Valentina del blog Non di solo pane – Impastando s’impara in collaborazione con il Molino Grassi.
Protagonista del contest e delle sperimentazioni dei tanti blogger partecipanti la linea Qb – Qualità Bio, lanciata dal Molino Grassi all’inizio del 2012.
Molino Grassi è una realtà che esiste da ben 80 anni e la linea Qb – Qualità Bio è
frutto di un cambiamento di approccio che pone sempre più in primo piano
i rapporti con la filiera produttiva e con gli agricoltori. In questa linea si trovano ben 5 diverse miscele di farine biologiche antiche e moderne, per i più svariati utilizzi.
 
La mia prima ricetta l’ho elaborata a partire dalla farina Multicereali: farina tipo 0 di grano tenero
Manitoba, unita a segale, orzo, riso e avena, tutte bio. I valori nutrizionali con tutti questi cereali sono altissimi e il prodotto è adattissimo ai lievitati.
 
Ho scelto di preparare una focaccia. La focaccia per sua natura si consuma in giornata, e quindi ho potuto utilizzare in tranquillità il lievito di birra, mantenendo però una bassissima percentuale di lievito e allungando la lievitazione.
Ho provato a surgelarne una e, scongelata e riscaldata per pochi minuti in forno caldo, ritorna fragrante e croccante come appena fatta.
 
La ricetta è rielaborata da un procedimento di Renato Bosco, che prepara un lievitino facendolo fermentare in acqua a temperatura ambiente prima di amalgamarlo all’impasto. La lievitazione totale è tra le 16 e le 18 ore e il lievito utilizzato in rapporto alla farina è inferiore all’1%.
Ho scelto di aggiungere anche una piccola quantità di farina di farro bio e per dare un tocco di originalità ho scelto di colorare le mie focaccine con il nero di seppia.
La farcitura è semplicissima per non intaccare il gusto di questa farina naturalmente ricca di sapore: i dolcissimi pomodori ciliegino di Pachino IGP, (di cui vi parlerò ancora), origano e olio extravergine di oliva di alta qualità.
La ricetta: Focaccine multicereali al nero di seppia con ciliegini e origano
(8 focaccine)
per il lievitino:
50 g di farina Multicereali linea Qb, Molino Grassi 
25 g di acqua
3 g di lievito di birra frescoper l’impasto:
250 g di farina Multicereali linea Qb, Molino Grassi25 g di farina di farro bio
175 g di acqua
4 g di nero di seppia
5 g di sale
5 g di olio extravergine d’olivaper la farcitura:
pomodorini ciliegino Pachino IGP
origano
olio extravergine d’oliva

 
Miscelare gli ingredienti per il lievitino, fino a formare una pallina compatta. Mettere la pallina in un contenitore alto e stretto (una caraffa) e coprirlo abbondantemente d’acqua a temperatura ambiente (circa 25°C). Quando il lievitino verrà a galla sarà pronto: ci vorranno circa 15-20 minuti.
 
Spezzettare il lievitino nelle farine previste per l’impasto, aggiungere l’acqua ed impastare a mano per pochi minuti.
Vestire un paio di guanti monouso per alimenti ed aggiungere il nero di seppia. Impastare con cura, finché il colore non è uniformente distribuito. Aggiungere il sale e, una volta assorbito, l’olio.
Formare un panetto rotondo, far riposare per 20 minuti a temperatura ambiente e poi mettere a lievitare in una ciotola, in frigorifero, a circa 4°C per 12 ore.
 
Riprendere l’impasto e lasciarlo tornare a temperatura ambiente.
Dividerlo in 8 porzioni uguali e per ognuna formare un bel panettino tondo, rigirando i lembi nella parte inferiore, poi schiacciarli un po’ con il palmo della mano.
Far lievitare i panettini su carta forno spolverata di poca farina per circa 3 ore.
Schiacciare con molta delicatezza con i polpastrelli unti d’olio le focaccine su due teglie anch’esse leggermente unte d’olio.
 
Far riposare mezz’ora/40 minuti mentre il forno scalda a 250°C.
Nel frattempo lavare i pomodorini, tagliarli a metà e condirli con sale, olio e origano.
Mettere su ogni focaccina alcune metà di pomodorino, con la faccia tagliata verso il basso ed aggiungere in superficie ancora un filo d’olio e una spolverata di origano e sale grosso.
 
Infornare e subito abbassare il calore a 200°C. Far cuocere per circa 10 minuti, finché le focaccine non sono croccanti.
 
 
 

Con questa ricetta partecipo al contest di Molino Grassi:

http://www.impastandosimpara.it/2014/03/blogger-love-qb-il-contest-di-molino-grassi/
 

 

 

giri_n_giro, ricette tradizionali

Genova e la focaccia di Recco La celebre focaccia al formaggio ligure da gustare calda

L’anno scorso all’inizio dell’estate abbiamo fatto una gita a Genova.
Genova è una città che bisogna esplorare, non basta attraversarla di corsa raggiungendo il porto per capire come è fatta. Certo andarci per visitare l’enorme attrazione dell’Acquario è già un passo, ma questa tentacolare attrazione non vi dirà molto sul carattere dei genovesi.
Per sperare di capirci qualcosina in più bisogna entrare nei suoi vicoli, assaporare i suoi profumi, incrociare gli sguardi del popolo multietnico che da secoli la abita.
Genova è una città di mare, il capoluogo di un grande porto e ha alcune caratteristiche che si possono riscontrare solo in città testimoni di così grandi passaggi di flussi umani. A un primo sguardo può risultare caotica, disordinata, come una donna spettinata, sorpresa nella sua privacy e gelosa di conservare la propria intimità.
In realtà ha bellezze da mostrare a chi si addentra con più attenzione tra le sue strade.
 
Il pretesto per la nostra gita è stato la mostra “Caravaggio e l’arte della fuga. La pittura di paesaggio nelle Ville Doria Pamphilj” che era allestita nella villa cittadina del Principe Doria.
Proprio da lì è partita la nostra visita, tra le arcate a tutto sesto di ritmo chiaramente rinascimentale e il giardino all’italiana, tra compartimenti di fiori e piante, pavoni  e la grande fontana del Nettuno in primo piano sullo sfondo del mare.
Poi il giro è continuato tra strette vie, carrugi, come dicono in Liguria. Il centro storico di Genova sembra una scatola di costruzioni abbandonata dopo il gioco. Le case sono sorte fitte fitte, le une sulle altre, e le sorprese spuntano dietro ad ogni angolo. 
Palazzi splendidi e colorati che sorgono all’improvviso dietro un angolo, e luoghi che rasentano la fatiscenza, chiese sopraelevate quasi volessero turarsi il naso davanti al mercato del pesce, migliaia di bancarelle di libri e dischi usati e ogni sorta di locale mangereccio etnico.
La sosta per la focaccia è di rito e poi ancora un’altra Genova. La Genova più modaiola, con la passeggiata affollata di gente, il sabato pomeriggio, i negozi (ancora librerie) pieni, i palazzi più sfarzosi che si svelano lungo via XX settembre.
A cena siamo andati in una trattoria vicino al porto, un locale non alla moda, ma dove abbiamo potuto mangiare ottimi piatti di pesce.
E poi ancora un giro, prima di tornare verso la stazione.
Un giorno solo non basta a conoscerla, ma già in un giorno Genova ci ha lasciato qualcosa di sè!
 
 
La focaccia con il formaggio è la ricetta tipica di Recco, ma anche a Genova si può trovare appena fatta e buonissima!!! Va mangiata calda, quando il formaggio non si è ancora solidificato, per questo motivo nelle panetterie bisogna acchiapparla, a suon di gomitate, appena la sfornano. E, non si sa come mai, ne sfornano sempre troppo poca alla volta.
Il formaggio NON è la prescinseua, perchè troppo liquido o troppo acido… Nel disciplinare viene indicato “formaggio fresco L.L.T., prodotto con latte ligure tracciato”.
La ricetta è più o meno (per chi volesse qui c’è la ricetta originale!) e qui invece trovate la mia versione.
Genova e la focaccia di Recco La celebre focaccia al formaggio ligure da gustare calda " class="facebook-share"> Genova e la focaccia di Recco La celebre focaccia al formaggio ligure da gustare calda " class="twitter-share"> Genova e la focaccia di Recco La celebre focaccia al formaggio ligure da gustare calda " class="googleplus-share"> Genova e la focaccia di Recco La celebre focaccia al formaggio ligure da gustare calda " data-image="http://www.ricettedicultura.com/wp-content/uploads/2011/07/2011_07_21-Focaccia-Stracchino-e-Genova-%281%29.jpg" class="pinterest-share">

Enjoy this blog? Please spread the word :)