Tag

autunno

storia & cultura

La storia della pera Un frutto dalle alterne vicende, coltivato in moltissime varietà

Tra la torta al cioccolato e pere e la quinoa dolce con aggiunta di pera cotta, mi è venuta voglia di raccontare qui sul blog una piccola e parziale storia della pera.

Read more

La storia della pera Un frutto dalle alterne vicende, coltivato in moltissime varietà" class="facebook-share"> La storia della pera Un frutto dalle alterne vicende, coltivato in moltissime varietà" class="twitter-share"> La storia della pera Un frutto dalle alterne vicende, coltivato in moltissime varietà" class="googleplus-share"> La storia della pera Un frutto dalle alterne vicende, coltivato in moltissime varietà" data-image="http://www.ricettedicultura.com/wp-content/uploads/2018/03/pere-botanical.jpg" class="pinterest-share">
buffet salato

Strudel salato di zucca e patate Un'idea versatile da modificare all'infinito con verdure di stagione

strudel-salato-zucca

Questo strudel salato ha una storia simile a molte altre ricette che noto su blog e social e poi salvo nella mia personale raccolta: tanta voglia di farlo subito, poi magari passa la stagione e finisce nel dimenticatoio, per poi essere ricordato dopo del tempo e manca sempre qualcosa tra gli ingredienti della versione originale. Read more

Strudel salato di zucca e patate Un'idea versatile da modificare all'infinito con verdure di stagione" class="facebook-share"> Strudel salato di zucca e patate Un'idea versatile da modificare all'infinito con verdure di stagione" class="twitter-share"> Strudel salato di zucca e patate Un'idea versatile da modificare all'infinito con verdure di stagione" class="googleplus-share"> Strudel salato di zucca e patate Un'idea versatile da modificare all'infinito con verdure di stagione" data-image="http://www.ricettedicultura.com/wp-content/uploads/2018/01/strudel-salato-di-zucca-e-patate_2.jpg" class="pinterest-share">
insalate e piatti freddi, ricette originali, secondi di pesce, secondi piatti

Sgombro in insalata tiepida con noci e melograno Un'insalata ricca e golosa con i sapori dell'autunno e tanto colore

Vi presento lo sgombro in insalata tiepida: sgombro sott’olio, tante verdure al forno, frutta e semi, un vero tripudio di sapori e colori, ma anche di proprietà nutritive. Read more

Sgombro in insalata tiepida con noci e melograno Un'insalata ricca e golosa con i sapori dell'autunno e tanto colore" class="facebook-share"> Sgombro in insalata tiepida con noci e melograno Un'insalata ricca e golosa con i sapori dell'autunno e tanto colore" class="twitter-share"> Sgombro in insalata tiepida con noci e melograno Un'insalata ricca e golosa con i sapori dell'autunno e tanto colore" class="googleplus-share"> Sgombro in insalata tiepida con noci e melograno Un'insalata ricca e golosa con i sapori dell'autunno e tanto colore" data-image="http://www.ricettedicultura.com/wp-content/uploads/2017/10/insalata-tiepida-con-sgombro_3.jpg" class="pinterest-share">
dolci, torte

Torta alle pere Martin Sec e cacao Una soffice torta da colazione con farina di farro, pere e cacao

Da tanto volevo preparare una torta con le pere intere, per ottenere un delizioso effetto al momento del taglio. L’occasione è arrivata quando ho trovato le minuscole pere Martin Sec, dette anche martine, proprio perché sono piccine e bellissime. Si tratta di un’antica varietà di pere, coltivate in Piemonte e Vald’Aosta, ma conosciute anche in Francia e in tutto l’arco alpino. Read more

Torta alle pere Martin Sec e cacao Una soffice torta da colazione con farina di farro, pere e cacao" class="facebook-share"> Torta alle pere Martin Sec e cacao Una soffice torta da colazione con farina di farro, pere e cacao" class="twitter-share"> Torta alle pere Martin Sec e cacao Una soffice torta da colazione con farina di farro, pere e cacao" class="googleplus-share"> Torta alle pere Martin Sec e cacao Una soffice torta da colazione con farina di farro, pere e cacao" data-image="http://www.ricettedicultura.com/wp-content/uploads/2017/10/torta-di-pere-cacao_2_evidenza.jpg" class="pinterest-share">
dolci, ricette tradizionali, Torino & Dintorni, torte

Torta di mele: la glara di mele La torta di mele tradizionale della Val Pellice: semplice, profumata e di riciclo

glara di mele_torta di mele_3_evidenza

Oggi vi presento una versione particolare della torta più amata. 
La torta di mele, perfetta in ogni occasione, in questa versione originaria delle valli Valdesi del Piemonte prende il nome di glara di mele. Read more

Torta di mele: la glara di mele La torta di mele tradizionale della Val Pellice: semplice, profumata e di riciclo" class="facebook-share"> Torta di mele: la glara di mele La torta di mele tradizionale della Val Pellice: semplice, profumata e di riciclo" class="twitter-share"> Torta di mele: la glara di mele La torta di mele tradizionale della Val Pellice: semplice, profumata e di riciclo" class="googleplus-share"> Torta di mele: la glara di mele La torta di mele tradizionale della Val Pellice: semplice, profumata e di riciclo" data-image="http://www.ricettedicultura.com/wp-content/uploads/2017/10/glara-di-mele_3_evidenza.jpg" class="pinterest-share">
buffet salato, contest, ifood.it, ricette originali, uova e fritture

Canelés salati con porro di Cervere e Bûche de chevre per il contest #Kikkomania

canele-kikko_slideshow_miniLa seconda ricetta per il contest #Kikkomania in collaborazione con la salsa di soia #Kikkoman e #ifoodit è di ispirazione francese.

Sono partita dalla classica ricetta dei canelés (o cannelés) e li ho rielaborati in salato con del delizioso formaggio bûche de chevre e il porro di Cervere, saporitissimo ortaggio piemontese IGP. Read more

dolci, ricette tradizionali, torte

Piccole tartelettes Bordalue In rue Bordalue a Parigi verso la fine del XIX secolo...

tarte bordalue
 Da un po’ avevo in testa di iniziare una rubrica sui dolci francesi.

Quando sono stata a Parigi, a marzo, era la prima volta che ci andavo da foodies golosona… probabilmente per questo motivo durante la visita precedente non avevo realizzato che Parigi è un’enorme pasticceria a cielo aperto. Read more

Piccole tartelettes Bordalue In rue Bordalue a Parigi verso la fine del XIX secolo..." class="facebook-share"> Piccole tartelettes Bordalue In rue Bordalue a Parigi verso la fine del XIX secolo..." class="twitter-share"> Piccole tartelettes Bordalue In rue Bordalue a Parigi verso la fine del XIX secolo..." class="googleplus-share"> Piccole tartelettes Bordalue In rue Bordalue a Parigi verso la fine del XIX secolo..." data-image="http://www.ricettedicultura.com/wp-content/uploads/2015/05/mini-bordalue-tarte_5_quad_ev-740x660.jpg" class="pinterest-share">
primi piatti, zuppe e vellutate

La zuppa del Pellegrino Un delizioso piatto caldo, ricco di cereali e di gusto

zuppa-cereali-pellegrino
La ricetta: Zuppa del Pellegrino
ingredienti
140 g di cereali misti (grano, farro, riso, avena, segale, orzo)
40 g di pancetta 
1 cipolla piccola
1/2 bicchiere di vino
3 cucchiai di lenticchie rosse
1 foglia di alloro
Olio extravergine d’oliva
Sale
peperoncino
 
Mettere in ammollo i cereali per 6-8 ore.

In un paio di cucchiai d’olio far dorare la cipolla con la pancetta tagliata a dadini. Aggiungere i cereali e tostarli, sfumare con il vino e farlo asciugare, poi coprire con acqua e far cuocere per 1 ora, con la foglia d’alloro e il peperoncino. Aggiungere le lenticchie rosse e far finire la cottura per altri 20 minuti. Regolare di sale, completare la zuppa del pellegrino con una spolverata di erbe provenzali e servire con focaccine o crostini di pane.

zuppa-cereali-pellegrino

La zuppa del Pellegrino Un delizioso piatto caldo, ricco di cereali e di gusto" class="facebook-share"> La zuppa del Pellegrino Un delizioso piatto caldo, ricco di cereali e di gusto" class="twitter-share"> La zuppa del Pellegrino Un delizioso piatto caldo, ricco di cereali e di gusto" class="googleplus-share"> La zuppa del Pellegrino Un delizioso piatto caldo, ricco di cereali e di gusto" data-image="http://www.ricettedicultura.com/wp-content/uploads/2018/07/zuppa_pellegrino_1ww-565x660.jpg" class="pinterest-share">
dolci, ricette originali, storia & cultura, torte

Pumpkin-chocolate Bundt Cake, la torta con zucca e cioccolato

 
La scoperta dell’America portò in Europa la zucca di Halloween e numerose altre varietà, assieme ad altri ortaggi colorati e panciuti. Un’altra tipologia di zucca era però già conosciuta fin dall’antichità e coltivata in Oriente ed Europa: la lagenaria, detta anche zucca da vino, piccola e dalla particolare forma a pera o a fiaschetta. Pare che fosse originaria dello Zimbabwe e conosciuta anche dagli antichi egizi. Le piccole zucche venivano accuratamente svuotate della polpa che poi veniva mangiata, mentre il guscio serviva per creare fiaschette dove conservare e trasportare i liquidi; da qui deriva proprio l’espressione “zucca da vino”, ma anche “avere sale in zucca”, poichè i preziosi cristalli, tanto utili per la conservazione degli alimenti e paragonabili al denaro (il salario) venivano spesso conservati in una zucchetta svuotata ed essiccata.
Raffaello e Giulio Romano – Mercurio nella Loggia di Psiche
In ogni caso la moda della zucca nell’arte esplose un poco più tardi, dopo le
grandi scoperte, e in particolare nel XVI e XVII secolo, nelle nature
morte, anche se già nel 1517 Raffaello aveva immortalato la zucca nella Loggia di Psiche alla Farnesina,
sulla testa di Mercurio, al posto riservato, in altre occasioni, alla “cornucopia” e con il medesimo auspicio di abbondanza e fortuna al banchiere
senese Agostino Chigi, committente degli affreschi. I semi della zucca rappresentavano quello che per noi, ancora oggi, rappresentano le lenticchie o i chicchi del melograno a Capodanno: tanto denaro in arrivo. Un’altra
zucchetta fa capolino a destra tra le fronde con un evidente significato
un poco più scabroso… e da qui comprendiamo che a Raffaello e ai suoi
aiutanti piaceva scherzare e che con Agostino Chigi c’era, oltre al rapporto tra committente e artista, anche una goliardica amicizia.

Da “Les Grandes Heures d’Anne de Bretagne”
L’immagine più antica di una zucca resta comunque tra le pagine colorate
di un libro di preghiere: “Les Grandes Heures d’Anne de Bretagne”
illustrato da Jean Bourdichon tra il 1503 e il 1508; tra altri ortaggi,
insetti ed animaletti dell’orto, resi con un vivido realismo, gli
scargianti fiori di zucca gialli o bianchi e i frutti della pianta.
 
Dal ‘500 la zucca, e soprattutto l’appariscente zucca americana, che ben si presta ad essere rappresentata a colori sulla tela, appare sempre più frequentemente nei dipinti di mercato. In realtà il significato di queste pitture è quasi sempre allegorico, esula dalla scena quotidiana rappresentata ed occhieggia sempre più spesso alla sessualità.È

il caso del fiammingo Pieter Aetrsen e suo nipote Joachim Beuckelaer: le zucche presenti nei loro dipinti alludono ad una scena amorosa in secondo piano oppure alla fecondità del ventre femminile.

Pieter Aetrsen – La fruttivendola
 
Joachim Beuckelaer – Mercato
Le fruttivendole o pescivendole di Vincenzo Campi, pittore lombardo, alludono anch’esse alla sessualità. Le zucche sono solitamente tagliate, con i semi esposti, oppure nel caso della pescivendola, tra i tentacoli di un polpo, mentre altre scene nel dipinto richiamano in modo più o meno manifesto il significato sessuale, come il dito nell’orecchio o il gettare dei frutti nel grembo delle donne in secondo piano.

 
Vincenzo Campi – Fruttivendola

 

 
Vincenzo Campi – Pescivendola

In questa carrellata non poteva mancare l’Arcimboldo: nella raffigurazione di Vertumnus, alla zucca è assegnato il compito di rappresentare il torace, sede del cuore e di altri organi vitali.

Giuseppe Arcimboldi – Vertumnus

[fonti:
http://zuccanellorto.wordpress.com/category/storia-culturale/
http://www.stilearte.it/la-zucca-nellarte-simbolo-e-propiziatrice-di-prosperita-fecondita-e-ricchezza1/]

Questa torta è deliziosa, umida al punto giusto, con la freschezza della zucca e il profumo della cannella e la golosità del cioccolato. Sono partita dalla Pumpkin Bundt Cake di Serena e da lì ho fatto le mie modifiche.

 

La ricetta: Pumpkin & Chocolate Bundt Cake (torta con zucca e cioccolato)
2 uova
180 g di zucchero 
320 g di zucca (polpa pesata già cotta e pulita)
100g di burro
60 g di cioccolato fondente (per me al 64% di cacao)
260 g di farina (per me Cerealia Wellness)
40 g di latte
2/3 di bustina di lievito per dolci
1 cucchiaino di cannella in polvere
1 pizzico di sale
 
per decorare
zucchero a velo
acqua
scaglie di cioccolato fondente
 
Far cuocere la zucca, tagliata a spicchi, in forno a 180° finchè la polpa non è morbida, poi ricavarne 320 g e schiacciarla finemente con una forchetta.
Montare un uovo intero e un tuorlo con lo zucchero e un pizzico di sale. Tenere da parte il secondo albume.
Sciogliere il burro con il cioccolato sminuzzato e lasciar intiepidire.
Aggiungere all’uovo montato la zucca e poi il burro con il cioccolato, mescolando bene.
Setacciare insieme la farina con il lievito e la cannella e cominciare ad aggiungerla a cucchiaiate all’impasto, mescolando bene per non formare grumi. Alternare alla farina un po’ di latte per rendere l’impasto morbido, fino ad esaurimento di entrambi.
Scaldare il forno a 170° ventilato.
Montare a neve il secondo albume ed aggiungerlo all’impasto mescolando dal basso verso l’alto.
Imburrare ed infarinare uno stampo da bundt cake e mettervi l’impasto. Infornare per 45 minuti e fare la prova stecchino prima di sfornare.
Quando la torta è fredda, toglierla dallo stampo e decorarla con glassa di zucchero e scaglie di cioccolato fondente.