buffet salato

Strudel salato di zucca e patate Un'idea versatile da modificare all'infinito con verdure di stagione

strudel-salato-zucca

Questo strudel salato ha una storia simile a molte altre ricette che noto su blog e social e poi salvo nella mia personale raccolta: tanta voglia di farlo subito, poi magari passa la stagione e finisce nel dimenticatoio, per poi essere ricordato dopo del tempo e manca sempre qualcosa tra gli ingredienti della versione originale.

Così è stato per il bellissimo strudel con funghi, zucca e taleggio di Tiziana, che ha partecipato a un mio vecchissimo contest, vincendolo.
Volevo tanto provarlo (e chi non vorrebbe, è golosissimo) ma mi sono trovata con zucca e taleggio e senza funghi! Ci ho messo le patate, che quelle in casa ci sono sempre, tranne ora… dunque occhio a farmi vedere ricette con patate in questo preciso momento… 😉

Mille varianti

Il ripieno viene cotto in precedenza e ha una potenzialità di personalizzazione infinita. Dunque questo strudel salato può davvero accompagnarvi in tutte le stagioni…
È ancora tempo di zucca, ma poi arrivano verdure più primaverili come le carote… e che ne dite di farcirlo con melanzane e zucchine in estate… Oppure la golosissima versione invernale con cavolfiore o broccolo o cime di rapa…
Lo stesso vale per i formaggi: dalla più tipica toma d’alpeggio, al taleggio appunto, a un formaggio goloso e dalla texture scioglievole come un brie o un camembert.

strudel-salato-taleggio

Ma il vero punto di forza di questa ricetta è la crosta dello strudel salato: scordatevi qualsiasi pasta sfoglia unta o pasta brisé troppo insipida.
Questa crosta è croccante – e resta croccante –  saporita, per il formaggio grattugiato, e infinitamente golosa e soddisfacente.

strudel-salato-patate

La raccomandazione è solo quella di preparare lo strudel salato con un quarto d’ora di anticipo sull’ora di cena. Lasciatelo arrivare a una temperatura abbordabile prima di tagliarlo e gustarlo, con il formaggio ancora morbido, ma con tutti i sapori distinguibili… allora, oltre a tagliare fette perfette, lo apprezzerete in pieno!

La mia ricetta

Vi ho lasciato sopra il link alla ricetta dello strudel salato di Tiziana. Io ho fatto alcune varianti e dunque vi pubblico qua sotto la mia versione.

Strudel salato zucca, patate e taleggio
Serves 4
Write a review
Print
crosta
  1. 150 g di farina
  2. 50 g di farina di mandorle
  3. 40 g di pecorino
  4. 1 pizzico di sale
  5. 1 cucchiaio d'olio
  6. 1 uovo piccolo
  7. qb acqua
ripieno
  1. 300 g di patate
  2. 200 g di zucca pulita
  3. 150 g di Taleggio
  4. 1 spicchio d'aglio
  5. 20 g di cipolla
  6. olio
  7. sale
  8. pepe
  9. 2 piccoli rametti di rosmarino
finitura
  1. albume d'uovo o latte
  2. semini di papavero
crosta
  1. Mettete in una ciotola le farine con un bel pizzico di sale, l'olio il pecorino grattugiato e l'uovo leggermente sbattuto. Impastate, aggiungendo qualche cucchiaio d'acqua fredda all'occorrenza. Ottenuto un panetto liscio, copritelo e lasciatelo riposare per un'oretta, mentre preparate il ripieno.
ripieno
  1. Pulite e tagliate a cubetti di 1-2 cm di lato le patate e la zucca.
  2. In una padella capiente, fate dorare leggermente lo spicchio d'aglio con la cipolla in 2 cucchiai d'olio. Aggiungete poi le patate a cubetti e fatele dorare. A questo punto mettete in padella anche la zucca a cubetti e proseguite la cottura regolando di sale, pepe e insaporendo con il rosmarino tagliato fine, finché entrambe le verdure non sono morbide. Fate attenzione che non si sfaldino.
  3. Da parte tagliate a cubetti anche il Taleggio e conservate al fresco.
  4. Quando le verdure sono intiepidite, stendete la pasta su carta forno, facendola sottile e rettangolare. Farcite con le verdure e con il formaggio a cubetti ben distribuito e arrotolate bene, saldando i bordi.
  5. Spennellate con bianco d'uovo (o latte) e decorate con semini di papavero (se le avete le mandorle a lamelle sono bellissime per decorare).
  6. Infornate in forno già caldo a 190°C per 30-35 minuti.
Adapted from Deliziosa Virtù di Tiziana Ricciardi
Ricette di Cultura http://www.ricettedicultura.com/