storia & cultura

La fragola, storia e leggenda Dalla fragola di bosco a quella moderna

storia della fragola

Alzi la mano chi sa qual è il frutto nella pianta di fragola? Il frutto, anzi i frutti, sono i piccoli semini che la punteggiano, mentre la succosa polpa rossa, profumata e dolce-acidula, è la trasformazione del fiore.

Il mito

Naturalmente… tutto nasce da un mito. La leggenda racconta che Marte, geloso dell’amore di Venere per il bellissimo Adone, si trasformò in cinghiale e lo trafisse con le sue zanne durante una battuta di caccia. Venere pianse l’amato e nel luogo dove caddero le sue lacrime spuntarono bellissime piantine di fragole di bosco, dalla forma di cuore rosso.

fragola-storia

La storia

Le fragole di bosco erano amate dunque fin dai tempi antichi e hanno sempre rappresentato il frutto dell’amore per la loro forma e il loro colore vivace. Erano consumate in abbondanza durante le Adonìe, festività primaverili dedicate ad Adone e all’amore.

Nel Medioevo diventarono frutto peccaminoso proprio perché considerato afrodisiaco. Ma la fragola era ancora nota soltanto come frutto selvatico, di bosco.

Nei giardini però iniziarono ad essere coltivate anche per il loro valore ornamentale e particolare successo ebbero nella Francia del Seicento, curate da giardinieri illustri e introdotte nei giardini delle case nobiliari.

fragola

La fragola moderna

Non solo la grande attenzione per la fragola come pianta ornamentale portò agli studi per selezionarla meglio, ma anche i viaggi d’esplorazione e la scoperta di nuove specie alla fine del Seicento.

In particolare se ne occupò Amédée Frézier, non un comune giardiniere, ma un genio dall’intelletto raffinato e multiforme:  spia, esploratore, cartografo, architetto e ingegnere militare che aveva l’hobby della botanica. Curioso che già il suo nome indicasse il suo destino: i Frézier, savoiardi di Chambery, erano discendenti dei Frazer delle isole Britanniche, un componente dei quali aveva offerto nel 916 d.C, un piatto di fragole di bosco all’allora re Carlo III.

Frézier, al servizio di Louis XIV di Francia, proprio durante una missione di spionaggio in Cile, prelevò alcune piantine di fragola bianca e le portò con sé in Francia nel 1714, per piantarle nei giardini reali.
Quasi un caso volle che, piantate accanto a piante di Fragaria proveniente invece dalla Virginia, diedero vita ad un incrocio interessante, la Fragaria Ananassa, dai frutti grandi e polposi: proprio una delle specie che consumiamo oggi.

fragola-storia

Le fragole non sono solo un ottimo spuntino dolce, al naturale o spruzzate di succo di agrumi, ricche di vitamine e antiossidanti, ma anche un ingrediente primaverile per splendide insalate (con asparagi, spinacino, lattuga o cetrioli) al posto di pomodori e peperoni prima che arrivino al top della stagione.

Le ricette con le fragole:

Tiramisù alle fragole