dolci, ricette tradizionali, uova e fritture

Frittelle di mela o friceuj ‘d pom, la mia ricetta Le frittelle più semplici e amate

frittelle-mele
Carnevale si avvicina e anche qui è scattata l’operazione frittella.
E visto che ci piace vincere facile, cominciamo dalle basi con le frittelle di mele, friceuj ‘d pom in piemontese!
 

Presto arriveranno altre cosine fritte, ché qui non ci facciamo mancare un po’ di untuosità!!

L’importante per delle buone frittelle è la scelta  delle mele giuste: devono essere asciutte, anche un pochino farinose vanno bene. Io ho scelto le renette.

 

La ricetta: Frittelle di mele (per circa 14-16 frittelle)
100 g di farina
100 ml di vino bianco
1 tuorlo
1 pizzico di sale
20 g di zucchero
1 albume montato a neve
2 mele a pasta asciutta

olio di semi per friggere
per spolverare: zucchero di canna in granelli (cannella in polvere se piace)

In una terrina ho messo la farina con lo zucchero e il sale. Ho versato il tuorlo al centro ed ho iniziato a mescolare. Poi ho cominciato ad aggiungere il vino bianco, gradualmente, incorporando tutta la farina, fino a formare una pastella uniforme ed asciutta.
Ho sbucciato le mele intere e le ho tagliate a fettine di mezzo cm, togliendo poi il centro della fetta con il torsolo. Se avete il levatorsoli potete liberare tutte le fette contemporaneamente.
Ho messo a scaldare l’olio in una padella profonda e larga e nel frattempo ho montato a neve l’albume.
Quando l’olio ha cominciato ad essere caldo, ho mescolato l’albume alla pastella preparata in precedenza, senza farlo smontare.
Poi ho bagnato le fette di mela in questa pastella e le ho deposte nella padella, tre o quattro per volta. Devono dorare leggermente.
Una volta scolate dall’olio le ho cosparse di zucchero di canna e di cannella.
Vanno mangiate tiepide, quando sono ancora croccanti. Se la mela è quella giusta dentro la pastella sarà diventata cremosa!!

Nota: per vedere se l’olio è alla giusta temperatura io infilo in padella, verticalmente, il manico di un cucchiaio di legno; l’olio è pronto per friggere quando intorno si formano delle minuscole bollicine, come una schiumetta.

 
 

Approfitto di questo post anche per comunicare una novità: da domani sul blog ci sarà una bella sorpresa per gli amanti del tè! Passate a trovarmi!!!