giri_n_giro, news, storia & cultura, Torino & Dintorni

Ristorante Cambiocavallo di Asti Tradizione e innovazione con gusto

Il nome evoca tempi lontani da stazioni di posta, l’interno è elegante, moderno e minimale. Ma la ricchezza dell’offerta culinaria del ristorante Cambiocavallo è un tripudio che unisce la tradizione delle ricette piemontesi all’innovazione in cucina e nell’approvvigionamento delle materie prime, con grande attenzione a tutta la filiera.

Ristorante Cambiocavallo di Asti

Ho avuto modo di conoscere il ristorante Cambiocavallo di Asti durante i giorni dell’ultimo Salone del Gusto di Torino, grazie alla serata di promozione della cucina e dei prodotti di Sao Tomé.
La conoscenza della titolare, anche console onoraria di Sao Tomé, ha aperto la possibilità di una degustazione del menù autunnale del ristorante: una vera celebrazione della tradizione piemontese, con i piatti autentici da riscoprire.

Lo Chef

Lo Chef del locale è Pier Mario Monzeglio, piemontese per nascita e formazione, che fonde con maestria i piatti dei nostri nonni con tecniche e ingredienti all’avanguardia, valorizzando il territorio e le sue materie prime.

Il menù

Il menù del Cambiocavallo cambia durante tutto l’anno, ma sono sempre presenti in carta i piatti imprescindibili per conoscere la cucina del Piemonte e dell’Astigiano in particolare. Si va dal vitello tonnato, alle carni di fassona servite crude, ai bolliti misti con tutti i pezzi della tradizione. In autunno viene presentata la bagna caoda con tutti i suoi accompagnamenti; la pasta è preparata in casa, da provare i tajarin all’uovo, ma anche le rivisitazioni originali; i risi sono di produzione piemontese.

Interessante è rilevare che il pesce non è affatto dimenticato, con la valorizzazione nel menù “La via del sale” dei pesci conservati come baccalà e acciughe, ma anche con la proposta di pesci di fiume.

Il cioccolato

Fra i dessert la costante è il cioccolato: è quello di Sao Tomé, uno dei migliori e più aromatici al mondo, usato anche in alcune proposte salate.

Inoltre il ristorante presenta una carta dei vini con più di 60 etichette, dove predominano i vini del territorio piemontese.

La vera perla autunnale del ristorante Cambiocavallo di Asti è la riproposizione della Bagna Caoda in serate dedicate, nella maniera più filologicamente corretta, con tutti gli accompagnamenti e con l’ovetto per concludere, ma ve ne voglio parlare meglio in un articolo dedicato.

Il ristorante Cambiocavallo si trova in via G. Testa 47 ad Asti. Tel. 0141.351094.

L’Hotel Castello

I locali ai piani superiori dell’antico edificio dell’Ottocento, proprio a ridosso delle antiche mura di Asti, sono stati recentemente rinnovati e valorizzati per dar vita all’Hotel Castello. Si tratta di un hotel di charme a 4 stelle con 11 camere tra doppie e suites e una sala riunione da 40 posti. Si trova proprio a due passi dal centro storico e a 12 minuti dalla stazione ferroviaria. L’hotel è pet friendly.