-->

mercoledì 20 agosto 2014

Spaghettoni con zafferano e zucchine


Perchè il cacio e pepe si può fare anche così, colorato. Solo che al posto del pepe nero ci metti un po' di pepe bianco e poi ti viene in mente che un po' di zucchine saltate non guastano e poi ancora che con le zucchine ci sta bene lo zafferano: diventa un altro piatto...buono però e con tutto il colore del sole!

giovedì 14 agosto 2014

"Piramidi e Pentole" ad ExillesFest e i Dolcetti del Faraone

Questa non è una ricetta, è un'archeoricetta!

Parliamo di Archeoricette come avevo già fatto qui e qui. Non c'entra nulla la bistecca di brontosauro...ma ricostruzioni attendibili delle ricette che "potevano" esistere nell'antichità.
Siamo ad un nuovo capitolo e ad un nuovo libro per Gene Urciuoli e per Marta Berogno.

Si parla di Piramidi e Pentole, ovvero di quello che è arrivato fino a noi della cultura gastronomica egizia
L'espediente utilizzato per raccontare questi aspetti è l'analisi dei geroglifici che parlano di alimentazione. Come accade per i reperti archeologici, in archeoricette ogni singolo alimento è interpretato come strato archeologico che deve essere contestualizzato cronologicamente e geograficamente per portare ad affascinanti interpretazioni. In alcuni casi ci sono ricette tramandate dalle fonti, in altri casi sono ricostruzioni accettabili e verosimili di quella che poteva essere l'alimentazione dell'epoca.

In questo volumetto si parte dalla parola e dal fatto che nelle decorazioni tombali egizie la rappresentazione del cibo e degli atti che ne descrivevano la preparazione aveva così tanta rilevanza: il cibo, non soltanto bisogno primario nella vita terrena, ma anche una necessità da soddisfare nell'aldilà, tanto che suppellettili per cucinare e formule per ottenere magicamente il cibo erano conservate nelle sepolture.

Questo libro a metà tra un compendio di grammatica egizia e un libro di storia dell'alimentazione, svolge il difficile compito della divulgazione anche verso un pubblico solitamente distante da questo genere di tematiche. Da un lato spiega la composizione delle scritte, dall'altro approfondisce brevemente le abitudini culinarie.

Il 31 agosto, ad Exilles, nell'ambito di ExillesFest ci sarà una nuova presentazione di questo libro, insieme agli autori Marta Berogno e Generoso Urciuoli.
Io cucinerò e racconterò una rielaborazione delle "golosità di Ramses", mentre Irene del blog Stuzzichevole, proporrà i "Dolcetti al cipero", entrambe tra le ricette presenti all'interno del libro.

Le "golosità di Ramses" dolcetti di cui il faraone doveva essere ghiotto, si trovano rappresentati all'interno della sepoltura del faraone Ramses III, insieme a tutte le fasi della preparazione: sicuramente un suggerimento per i servitori dell'aldilà che avrebbero potuto, in questo modo, deliziare il sovrano.  

Ho modificato la ricetta proposta per rendere questi dolcetti meno compatti. La prima volta ho aumentato la dose di formaggio di capra, ma non è stato sufficiente, quindi ho aggiunto un poco di lievito di birra.

La ricetta: Dolcetti del Faraone (in forno)
200 g di semola di grano duro
1 pizzichino di lievito di birra fresco
200 g di formaggio cremoso di capra
2 cucchiai di miele
2-3 cucchiai d'acqua

per decorare
miele q.b
2 cucchiai di semini di papavero

Sciogliere il lievito di birra nei due cucchiai d'acqua e amalgamarvi il miele.
Mescolare la farina con il formaggio fresco e la pappetta di lievito e miele e formare un impasto omogeneo e ben lavorato.
Far lievitare per un'ora circa.
Riprendere l'impasto, tagliarlo a pezzi e per ogni pezzo ricavare dei rotolini lunghi e sottili, di circa 1/2 o 1 cm di diametro. Arrotolare il rotolino su se stesso come per formare una spirale e quando la spirale ha raggiunto un diametro di circa 2 cm, tagliarla con il coltello e metterla su una teglia infarinata. Proseguire fino ad esaurire l'impasto.
Infornare a 180° C per 15 minuti circa. Sformare, deporre su un piatto ed irrorare con miele e semini di papavero.


Qui sotto la prima versione dei dolcetti, senza lievito; mantengono molto meglio la forma, ma sono troppo compatti e sebbene dolci molto lontani dal gusto odierno, volevo presentare all'ExillesFest un assaggio che fosse anche gradevole ai nostri palati.

venerdì 8 agosto 2014

Insalata d'orzo con pere e gorgonzola

Oggi una ricetta con pochissime parole.
Al contadino non far sapere quanto è buono il cacio con le pere, e al mio fidanzato non far sapere che esiste un modo davvero saporito per gustare l'insalata d'orzo!
Dicevano gli antichi:  «U risu ppe na ura te tena tisu*.» ovvero "il riso ti rende sazio per una sola ora". Con il riso, inevitabilmente, finiscono nel calderone anche tanti altri chicchi considerati a torto poco nutrienti. Quindi quando sono stata avvistata mentre lessavo l'orzo in casa si è diffusa una cerca inquietudine, che si è trasformata in panico quando ho iniziato a ripetere "insalata d'orzo" insieme alle parole "oggi" e "pranzo" più volte. Mi sembrava addirittura che a lui fosse passato l'appetito...
E invece al primo assaggio... l'orzo non è il chicco più saporito che ci sia, il farro lo è molto di più, ma in questo abbinamento trova il giusto equilibrio tra la dolcezza della pera, il piccante del pepe e il gusto intenso del gorgonzola: finita in pochissimi minuti!
Se trovate un erborinato ancora più stagionato è ancor meglio, per ricavarne delle scagliette.
E se state pensando che non è un piatto dietetico... avete sbagliato blog e vi meritate l'insalata d'orzo con le verdurine! ;)

*http://it.wikiquote.org/wiki/Proverbi_calabresi


La ricetta: Insalata d'orzo perlato con pere al pepe e gorgonzola

Stampa PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...