. #PageList1 ul { margin-left:auto; margin-right:auto; } -->

mercoledì 28 gennaio 2015

Treccia di brioche... in attesa di Re-Cake2


La puntavo da tempo e non potevo proprio mancare all'appuntamento. Questa re-cake ha tutte le caratteristiche che amo in un dolce.  È un lievitato ed è soffice soffice, con pieghe dolci di marmellata e burro. La forma è quella del kringle estone, anche se lasciata a treccia e non ripiegata ad anello. Le dosi sono abbondanti e trovatami a gestire una grande quantità d'impasto ho finito per ripiegare la treccia su se stessa.
La marmellata che ho scelto per il ripieno è quella di ribes nero, per me FiordiFrutta Rigoni di Asiago, con l'aggiunta di sottilissime zeste di limone che danno un tocco di acidulo in più e che sono piacevoli da ritrovare sotto i denti.

La ricetta: Treccia di brioche con Fiordifrutta Rigoni al Ribes Nero
370 g di farina tipo 0
70 g + 1 cucchiaio di zucchero
25 g + 30 g di burro
60 ml latte
1 bustina di lievito disidratato
60 ml di acqua tiepida
1 cucchiaino raso di sale
1 uovo e mezzo
1 vasetto di confettura di ribes nero (per me 250 g di Fiordifrutta Rigoni ribes nero)
le zeste di mezzo limone
zucchero e vaniglia

Sciogliere il lievito nell’acqua tiepida con un cucchiaino di zucchero e lasciare che si attivi e che si formi della schiumetta in superficie.
In metà della farina miscelare lo zucchero e cominciare ad impastare con il lievito e il latte, aggiungere il sale e l'uovo e mezzo, poi la restante farina gradualmente fino a formare un impasto omogeneo. Per ultimo aggiungere 25 g di burro a dadini, in tre porzioni, facendolo ben assorbire tra un'aggiunta e l'altra.
Quando l'impasto lavorato è perfettamente liscio, metterlo in un'ampia ciotola, coprire con pellicola e mettere in un luogo tiepido per attendere il raddoppio.
Sgonfiare l'impasto e stenderlo sulla spianatoia in un grande rettangolo di sfoglia alta 1 cm.
Mettere sulla sfoglia i restanti 30 g di burro a pezzettini e poi spalmarvi la confettura di ribes, (quella Fiordifrutta è poco dolce e permette di sentire il gusto della frutta) e spolverare con il cucchiaio di zucchero.
Per la chiusura, arrotolare su stesso il rettangolo dal lato lungo. Dividerlo in due sezioni longitudinali con un coltello affilato e poi arrotolare le sezioni insieme, sigillando bene le due estremità.
Lasciare lievitare per ancora 30 minuti. Poi infornare a 180°C già caldo, per 30 minuti.

venerdì 16 gennaio 2015

Biscotti "Grandissimo Cereale" e la febbre del venerdì sera (il prossimo!)


Qui tutto tace.
La serata del 23 gennaio si avvicina e a costo di sembrare monotematica non riesco a non sentire il dovere di giustificarmi quando arrivo sul blog e lo vedo fermo da una settimana. Ogni minuto degli ultimi otto giorni è stato dedicato alla progettazione e realizzazione della serata di venerdì prossimo, in cui, non soltanto cucineremo, ma dovremo anche raccontare il cinema, per introdurre agli spezzoni con le scene di cibo.
Tutto questo lavoro ha dato i suoi frutti e la serata è già sold out, da qualche giorno. In una nuova pagina del blog sto raccogliendo i contributi fotografici di questo progetto, sperando di interessare molti altri per le repliche.

In ogni caso non potevo lasciarvi senza una ricetta per tanto tempo e allora, dall'archivio delle delizie, ho tirato fuori questi biscotti che ho provato e mangiato un paio di mesi fa. La fonte è ancora una volta Ida, con alcune modifiche negli ingredienti, ma con la maionese furba al posto del burro, proprio come fa lei (ormai ho imparato).

Nel Mulino che vorrei... c'è un computerino che trasmette non-stop gli spezzoni dei film degli anni '50-'60-'70 che ispireranno la nostra cena #CineMangiAmo...la febbre cresce...e io mangio biscotti fatti in casa!

La ricetta: Biscotti "GrandissimoCereale" homemade
40 g di farina integrale di grano tenero
60 g di farina integrale di farro
100 g di farina integrale d’avena (per me fiocchi macinati in casa)
50 g di zucchero di canna o semolato
85 g di olio di semi (io girasole)
4 cucchiai di latte intero a temperatura ambiente
3 g di sale
un cucchiaino di lievito per dolci

Per prima cosa preparare la maionese di latte e olio: nel frullatore (o nel bicchiere alto del minipimer) versare il latte a temperatura ambiente o leggermente tiepido, poi l'olio. Frullare fino a raggiungere la consistenza densa di una salsa. Far raffreddare in frigo per far addensare un po' di più.
Mescolare le farine con lo zucchero, il sale e il lievito.
Aggiungere poi l'emulsione di latte e olio ed impastare. Sarà un po' impegnativo far stare insieme tutti gli ingredienti, all'occorrenza aggiungere qualche cucchiaino di bianco d'uovo.
Avvolgere nella pellicola e far raffreddare in frigo per almeno mezz'ora. Riprendere l'impasto e stenderlo ad uno spessore di mezzo cm o poco meno (i miei sono un pochino più sottili); ritagliare i biscotti e deporli con delicatezza su una placca da forno coperta di carta forno. Infornare a 180° per 10-12 minuti o fin quando cominceranno a dorare leggermente.

venerdì 9 gennaio 2015

Cannelloni di merluzzo con radicchio e pistacchi

Ogni tanto mi viene proprio voglia di una di quelle ricette "a colpo sicuro"; di quelle che si fanno ad occhio, che non serve mettersi a pesare.
I cannelloni al forno è una di queste. La pasta a volte la faccio io, di sola semola e acqua, oppure con la farina di grano tenero e le uova, bella gialla e liscia. A volte invece cuocio in pentola le lasagne già pronte ed essiccate...e poi faccio una gran fatica ad arrotolarle senza far uscire il ripieno, ma la sfida la vinco sempre io!
Dentro quasi sempre ricotta e spinaci, come la ricetta della mia infanzia. Questa volta ho preferito metterci del pesce, insieme a una ricottina feschissima e leggera e giusto un po' di albume per renderli più consistenti e meno scioglievoli.
Per condirli e farli gratinare in forno, ho preparato una besciamella e del radicchio saltato in padella con aglio e olio. I pistacchi in superficie danno croccantezza e dolcezza. Enjoy!
La ricetta: Cannelloni di merluzzo, con gratinatura di radicchio e pistacchi
8-10 lasagne all'uovo secche
200 g di ricotta vaccina freschissima
2 filetti di merluzzo spinati
1 albume
1 spicchio d'aglio
1 cespo di radicchio tondo (medio piccolo)
100ml di vino bianco
1 noce di burro (circa 20 g)
1 cucchiaio colmo di farina
250 ml di latte tiepido
Parmigiano Reggiano
una manciata di pistacchi sminuzzati
olio extravergine d'oliva
sale

Lessare i filetti di merluzzo. Schiacciarli con una forchetta e condire con un filo d'olio. Aggiungere il merluzzo alla ricotta, con un paio di cucchiai di albume; mescolare con cura fino ad ottenere un composto omogeneo, regolare di sale; aggiungere una macinata di pepe.
Lessare le lasagne in acqua bollente salata e scolarle disponendole su un canovaccio pulito.
su ogni lasagna disporre una porzione di ripieno; arrotolare il cannellone su se stesso e tagliarlo in due metà. Disporre i cannelloni ricavati in una teglia foderata di carta forno sulla quale avrete versato un filo d'olio.
Preparare il radicchio: far rosolare in padella lo spicchio d'aglio ed aggiungervi il radicchio tagliato a striscioline; sfumare con il vino e far ammorbidire, regolando infine di sale.
Preparare la besciamella sciogliendo in un pentolino una noce di burro con un cucchiaio di farina; quando la farina comincia a brunire, versare poco latte, sempre mescolando per non formare grumi. Quando il composto è liscio aggiungere il latte restante e mescolare fino a che raggiunge la giusta consistenza. Versarci dentro il radicchio e disporre il tutto sui cannelloni. Completare cn un'abbondante grattugiata di Parmigiano Reggiano e i pistacchi sminuzzati grossolanamente.
Infornare a 190° per circa 25 minuti o fino a doratura.




Stampa PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...